«Che alcuno non se parta della terra d’Arquata e suo contado con animo de non ritornare a detta terra»

Seguici
TOP
Image Alt

Arquata del Tronto

La Russia di Putin in soccorso di Arquata del Tronto: “Pronti a fare la nostra parte”

(Fonte: Il Resto del CarlinoCorriere Adriatico)

Arquata chiama, Mosca risponde: il Cremlino tende la mano al comune terremotato di Arquata del Tronto, dando disponibilità a fare qualcosa per aiutare uno dei simboli del sisma.

Ora spetta a Palazzo Chigi e alla Farnesina compiere i passi necessari per arrivare a concretizzare questa possibilità, confermata dall’ambasciatore russo Sergey Razov in una comunicazione inviata alla rappresentanza diplomatica nelle Marche e al Sindaco di Arquata Aleandro Petrucci.

“Il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha confermato la disponibilità da parte russa ad aiutare l’Italia a superare le conseguenze del sisma.
Visto che gli aiuti finanziari per l’Aquila sono stati stanziati dopo la richiesta del Governo Italiano e nell’ambito degli appositi accordi bilaterali, partiamo dal presupposto che una nuova richiesta di aiuto ci pervenga da parte del Governo Italiano”.

Il precedente del 2009 è incoraggiante: in quell’occasione la Federazione Russa, oltre a mettere a disposizione i suoi tecnici della Protezione Civile, aveva stanziato 9 milioni di Euro per la costruzione di un palazzo e di una chiesa del capoluogo abruzzese.
Al momento per Arquata non è possibile dare una dimensione dell’impegno, ma di certo questa è una occasione da non lasciarsi sfuggire.

 

Tutto è iniziato qualche mese fa, dopo che il Comune di Arquata aveva invitato il console onorario della Federazione Russa nelle Marche chiedendo un aiuto per la messa in sicurezza delle testimonianze importanti della storia del paese: piccoli e grandi segni storico-artistici, affreschi, sculture, quadri, edifici sacri.
Il console onorario, l’avvocato Marco Ginesi ha scritto un articolo, inviato alle circa duecento testate distribuite nell’intera Federazione Russa attraverso la più importante agenzia di informazione russa, la Ria Novosti, il cui direttore in Italia, Sergey Startsev, è collaboratore del Consolato di Ancona.

 

Il console Marco Ginesi ha poi suggerito al sindaco di Arquata di inviare una lettera di richiesta di aiuto al Presidente Vladimir Putin da mandare al consolato che, secondo prassi, l’ha corredata di una informazione dettagliata e inoltrata attraverso l’ambasciatore a Roma Sergey Razov, il quale ha collaborato con la sua sede di Ancona confermando il parere favorevole.
Un iter che ha portato la buona notizia in questi giorni, arrivata dal Cremlino all’ambasciatore, il quale l’ha subito comunicata ai rappresentanti diplomatici nelle Marche e al Sindaco di Arquata Aleandro Petrucci.

 

 

 

 

 

 

 

You don't have permission to register