«Che alcuno non se parta della terra d’Arquata e suo contado con animo de non ritornare a detta terra»

Seguici
TOP
Image Alt

Arquata del Tronto

Sindaco Petrucci su trattamento macerie, puntellamento Rocca e situazione SAE

(Fonte: PicenoNews24)
Il Sindaco Aleandro Petrucci parla dei problemi delle casette di Arquata.
“Ci siamo rivolti diverse volte alla Arcale, l’azienda che ha costruito le casette e ci era anche stato promesso che sarebbe stato creato un numero verde al quale i cittadini potevano rivolgersi per segnalare i disservizi, ma ad oggi non è stato attivato”
Aggiunge Petrucci “Anche il capo della Protezione Civile Borrelli ci ha detto che dovevamo rivolgerci direttamente alla Arcale, che ha provveduto a risolvere gran parte dei problemi. Non tutti ma quasi. Lo ritengo un fatto molto importante”.
Il Sindaco non lesina critiche a “Quei Sindaci che parlano di problemi creati dal terremoto, ma che hanno avuto un decimo dei danni che abbiamo avuto noi, perché qui non è rimasto in piedi niente”.


 

Anche sulla vicenda del trattamento e trasporto delle macerie, Petrucci è categorico: “La Htr ha operato fino al 27 dicembre ma adesso tutto è passato sotto il controllo della Picenambiente.
Quello che chiedo con forza” ripete il Sindaco “è che il sito di smaltimento di Pescara del Tronto torni a funzionare il prima possibile, perché con il trattamento delle macerie fatto sul posto, c’è un grosso risparmio di tempo e di denaro e anche di ricadute occupazionali, visto che possiamo utilizzare operai di Arquata”
dice Petrucci che annuncia, inoltre, che stanno per iniziare i lavori di puntellamento della Rocca, simbolo della città, grazie ad un cospicuo finanziamento regionale, mentre il 7 gennaio riaprirà il primo negozio di generi alimentari.

Il Sindaco Petrucci aggiunge, inoltre che è auspicabile che “Una vera ricostruzione il prima possibile, perché le casette sono temporanee.
Abbiamo coinvolto anche l’Università di Camerino che sta effettuando degli studi di microzonazione sismica sul nostro territorio per vedere come si potrà fare”.